con traduttore made blog P.C.

Miei cari amici vicini e lontani buongiorno, ovunque voi siate!

giovedì 16 agosto 2012

Il racconto

Continua dal post precedente


 

E

ra una notte buia e tempestosa. Nella sua camera, lei giaceva mollemente supina fra le lenzuola di frusciante seta nera, le gambe leggermente divaricate. Nell'aria il profumo di incensi che bruciavano ardentemente spargendo nella stanza una sottile nebbia di fumo. Il suo respiro era leggermente ansante. Ai piedi del letto, lo sguardo di lui passava alternativamente da lei alla scatola che aveva in mano e che che pareva volesse offrirle. Un forte tuono, accompagnato subito dopo dal bagliore del fulmine, aveva, per un attimo, illuminato il contenuto lucente della scatola.

Si erano incontrati, così per caso, nello studio di un medico e, nell'attesa, avevano scoperto che il medico era lo stesso medico di fiducia di entrambi. Poi il discorso, informale: il tempo, gli acciacchi... (insomma le solite cose), era scivolato piano piano verso una conoscenza più reciproca. Così, quando venne il loro turno,  entrarono insieme e si sedettero davanti alla scrivania.
Sotto lo sguardo interrogativo del medico, fu lui il primo a parlare, dapprima imbarazzato.
Aveva scoperto, leggendo una rivista, che esisteva un medicinale che avrebbe potuto lenire la sua sofferenza e voleva sentire il suo parere temendo però la solita risposta: "cosa ne vuoi sapere tu …".
Ma quella volta fu diverso, perchè appena pronunciò il nome si sentì rispondere "E' come essere alla Prima della Scala".
Sorpreso, volle saperne di più e lui gli spiegò come quel medicinale già era in uso da tempo, ma per un impiego diverso.

« Ma tu l'hai provato? » - gli chiese -  « No, io non ne ho bisogno » fu la sua risposta.
« Beh... neppure io » - ribatté a bassa voce - « Tuttavia mi piacerebbe provarlo »
Il medico aprì un cassetto, tolse un ricettario e vergò il nome della medicina aggiungendo un CP 50 e uno svolazzo per firma.
Poi, sorprendentemente lo consegnò a lei dicendole: « Vai tu a comperargliele dal dottor Mori che è un bacchettone, così ci fai anche una bella figura! »
A lei brillarono gli occhi!
« Ma come si usano? » -  domandò lui che aveva seguito perplesso la scena.
« C'è scritto tutto sul foglietto, non preoccuparti!» - e lo congedò.
Poco dopo usci anche lei ridendo.
Insieme andarono a prendere un caffè al bar vicino e continuarono a chiacchierare.
Quando, alla fine, si congedarono, si ripromisero di re incontrarsi al sabato ormai vicino.

Fu lei, al mattino del sabato, che lo chiamò al cellulare per dirgli che sarebbe andata dal farmacista e gli chiese quanti soldi doveva portare, se la medicina fosse stata costosa:
« Che dici... porto duecento, trecento, cinquecento mila?»
« Ella Peppa...» – rispose - « non esagerare. Porta un po' di soldi ed eventualmente chiedi il prezzo. Se è troppo cara non la prendi... cinquecentomila mi sembra un'esagerazione anche se sarà come essere alla Prima della Scala, non ti pare? »
« Mah... non saprei... qui sulla ricetta c'è scritto 50 CP, e cinquanta capsule sono tante. Beh... porterò quattrocentomila. Ciao, ci si vede  'stasera.»

Al lume di una lampada velata da 25 candele, lui stava leggendo il foglietto delle istruzioni, mentre lei, col respiro ancora più ansante, che si percepiva dal movimento ritmico delle lenzuola di frusciante seta nera, attendeva.
Il viso di lui si adombrava man mano che leggeva le istruzioni:
• Se non serve è inutile.
• Non è consigliabile per i malati di cuore.
• Poche le morti causate dal farmaco: quelle segnalate sono risultate aventi patologie cardiache pregresse.

Pensoso, si mise  sotto le fruscianti lenzuola di seta continuando a leggere. Poi si rivolse a lei e gli disse:
« Ne prendo solo mezza di pastiglia... non vorrei correre dei rischi! »
Lei gli si avvicinò lentamente, gli pose una mano sul petto e gli morse il lobo dell'orecchio, procurandogli una leggera sensazione di dolore e sussurrò:
« Tesoro, se dobbiamo fare l'esperimento dobbiamo farlo come si deve. Prendi la pastiglia intera, e sbrigati! »

Erano passate due ore, forse tre, e lei russava leggermente.
Lui si alzò dal letto, spense gli incensi odorosi, spalancò la finestra e sospirò.
Andò in cucina a bere un bicchiere d'acqua per far passare l'ansia, poi, indossata la camicia da notte e la berretta, si rimise sotto le lenzuola pensando alle ottantamila lire spese per quattro pastiglie da 50 CP che erano state credute 50 capsule.

    • Tutto per colpa di un bugiardello. Perchè lei si era messa in testa, con 50 capsule, di fare cose tipo sado-maso.
      Tutto per colpa di un bugiardello. A lui era venuta l'ansia da prestazioni.
      Tutto per colpa di un bugiardello che avvertiva: - Se l'erezione dura più di quattro ore avvertire il medico.
      Tutto per colpa di un bugiardello, poiché sapeva che di notte il medico di guardia era una donna.
      Tutto per colpa di un bugiardello, perchè alla domanda avrebbe dovuto rispondere: « Ce l'ho duro!»

      Ma non sarebbe stata colpa del bugiardello se la dottoressa, dopo ore di attesa, in una notte di sabato, sola, fra le pareti asettiche di una stanza, avesse risposto:
      « Corri qui subito che ci penso io! » 

(continua)

 

e anche allora erano seguiti i commenti.

Commenti al Post:

Il racconto

Spitama  Spitama il 11/04/11 alle 10:26 via WEB
Che bugiardo è il dottore ! E' risaputo che se si ponesse la stessa domanda alla maggior parte delle persone che fa uso di Viagra, ti risponderebbe con le stesse parole

albatrho.s  albatrho.s il 11/04/11 alle 14:21 via WEB
Ma no, cosa dici! (e uno)
Mica ho parlato di Viagra!

Spitama  Spitama il 11/04/11 alle 15:21 via WEB
Ambeh ! Allora scusa, ho inteso male. Comunque chi prende il Viagra e al contempo uno dei più grossi mentitori

albatrho.s  albatrho.s il 11/04/11 alle 23:28 via WEB
Allora sei un bugiardo!

Spitama  Spitama il 12/04/11 alle 10:54 via WEB
Alla mia età sarebbe pure plausibile, ma non capisco come possa sentirne l'esigenza un trentenne. Comunque l'ho provato

albatrho.s  albatrho.s il 14/04/11 alle 00:18 via WEB
Mah...! Io penso che il trentenne abbia voluto fare solo un'esperienza.
Del resto vedremo se l'autore del racconto metterà anche un Epilogo, perchè ancora non si capisce bene chi l'abbia scritto, e soprattutto a che età.
L'hai provato, dici. Ed è stato veramente come essere alla Prima della Scala? Scommetto che ti sei messo a fischiettare l'Aida!

Spitama  Spitama il 14/04/11 alle 12:19 via WEB
No, no, ho sentito di ragazzi che la usano di frequente. Comunque, per me, non è affatto una bacchetta magica. Nel senso che dipende molto dal grado di attrazione che provi verso la patner. Se non c'è il "tic", è difficile che poi ci sia un "tac". Però se l'attrazione è "fatale", col suo aiuto si raggiungono dei livelli di prestazione impensabili per l'eta che uno ha.

albatrho.s  albatrho.s il 14/04/11 alle 12:29 via WEB
Bah... non saprei cosa rispondere.
Dal racconto pare che l'attrazione fatale ci fosse: i lumi da 25 candele velati, gli incensi profumati, magari anche la musica di sottofondo... insomma, c'era tutto.
Forse l'autore aveva invece qualche "tic" che non ha permesso il "tac".
Ancora non si sa come andrà a finire. Per il momento so solo che devo andare in ufficio a far finta di lavorare!

semprepazza  semprepazza il 11/04/11 alle 14:14 via WEB
Rocco Siffredi che va dal medico per... incredibile! ^___^

albatrho.s  albatrho.s il 11/04/11 alle 14:23 via WEB
Ma no, cosa dici! (e due)
Questo è un racconto impersonale!

prontalsogno  prontalsogno il 11/04/11 alle 17:19 via WEB
CP50: Compresse Prontalsogno (per ottenere erezioni anticipate in 50 giorni) Altri formati ad uso dell'Opposizione: CP10 e CP100

albatrho.s  albatrho.s il 11/04/11 alle 23:30 via WEB
Erezioni anticipate?
Alfré... non rompere i Maroni!

prontalsogno  prontalsogno il 12/04/11 alle 17:53 via WEB
Attento Teoh, tu mi confondi con Prontalfredo. Il presidente di Prontalsogno C.I.R.S. si è dimesso (da tempo) e c'è un posto vacante alla direzione del Consorzio. Urgono nuove erezioni anticipate per la nomina di un nuovo presidente che sia esperto in Politica Intergalattica, Pianificazione delle Costellazioni ed Economia del Nulla.

albatrho.s  albatrho.s il 14/04/11 alle 00:34 via WEB
Hai ragione Alfredo! Solo Prontalsogno potrebbe scrivere Teoh con la acca fuori posto. Il presidente dimissionario del C.I.R.S. non commetterebbe mai un errore del genere.
Che Maroni però con 'ste erezioni anticipate.
Uno non può neppure Pianificare, non dico il Nulla, ma almeno le Vacanze.

prontalsogno  prontalsogno il 14/04/11 alle 19:18 via WEB
Pianificare le vacanze? Ma se tu stai già in pensione, dove vorresti andare, in campeggio?

albatrho.s  albatrho.s il 15/04/11 alle 00:16 via WEB
Mezza pensione Alfredo... mezza!
In vacanza comunque ci vado a Clusone dove ho un piccolo appartamento, una cosetta da nulla.
Diciamo una roulotte!

lali51  lali51 il 12/04/11 alle 17:30 via WEB
non serve a niente sto cp 50 ,una bella spaghettata di aglio olio e peperoncino un buon bicchiere di raboso vedrai cosa combini

albatrho.s  albatrho.s il 14/04/11 alle 00:07 via WEB
Lali, è proprio quello che non si deve fare.
A stomaco leggero... a stomaco leggero!!!

semprepazza  semprepazza il 13/04/11 alle 19:16 via WEB
Ma caspita, sono capitata di nuovo in un sito porno... eppure qui, c'era Theo...

albatrho.s  albatrho.s il 14/04/11 alle 00:11 via WEB
Sito porno? Teh, va che sodisfazione!
.. E io che ci ho messo le lenzuola di seta nere, la luce soffusa di una lampadina da 25 candele, gli incensi, il tuono e tutto il resto per fare un racconto erotico!

semprepazza  semprepazza il 14/04/11 alle 18:06 via WEB
Dimentichi il pigiama... ma non è del tutto colpa tua, sono anche i commentatori che aizzano certe fantasie! ^__^

albatrho.s  albatrho.s il 15/04/11 alle 00:12 via WEB
Ecco un altro esempio di commento fuori luogo, Diana!
Se avessi letto l'intero post, oltre ad apprezzarne lo stile della narrativa, ti saresti accorta che il protagonista indossa una camicia da notte con berretta.

16 commenti:

  1. non ho possibilità di commentare, la mia vita è molto dura ma nessun donna medico la può curare, quindi non ho esperienza diretta sul campo...... ciao testina

    RispondiElimina
  2. Mau, zitto! Tu hai Sofya, quindi le donne (medico o di qualsiasi altro mestiere e/o altra professione) te le devi scordare. Certo che il tuo protagonista è strano! Ma come, si mette la camicia da notte e la coppola con una donna fra lenzuola nere di seta e incensi? Mi sa che il dottore l'ha fregato ben bene! 8o Euro x del Placebo! Dovrebbero radiarlo dall'albo!

    RispondiElimina
  3. ho studiato altro .. ma sempre dottore sono ..va bene lo stesso?

    RispondiElimina
  4. mi piacciono i post autobiografici

    RispondiElimina
  5. Sofya, non è nella netiquette dare una risposta al camagna ancor prima di averla data all'autore del blog.
    Comunque sappi che, se respiri, a me va bene anche se hai studiato altro.

    RispondiElimina
  6. Marina... così mi è stata raccontata. Si vede che la berretta di lana l'ha messa perchè aveva freddo, che vuoi che ti dica!

    RispondiElimina
  7. Anche a me Sofya.
    Hai notato che non si vedono più i commenti scritti in blu?

    RispondiElimina
  8. Aveva freddo? Con una donna nel letto, lui aveva freddo? Ma quello è uno zombie!

    RispondiElimina
  9. :| sarà che sono appena rientrata dalle ferie, ma non ho capito un tubo :((

    RispondiElimina
  10. se sei tornata per dirmi che non hai capito un tubo, potevi startene in vacanza. Ma pensa te!
    Ma quando leggi un libro apri una pagina a caso per iniziare? Guarda che c'è un prologo e ci sarà un epilogo.

    RispondiElimina
  11. :( hai ragione... ma appena rientrata ho un mucchio di lavoro da smaltire... non puoi mandarmi un bignamino per cortesia?

    RispondiElimina
  12. come no... te lo faccio seduta stante!
    Improvvisamente i commenti appaiono scritti in blu. Si sospetta che io faccia uso smodato di Viagra che causa appunto la visione blu.

    Cambia la scena:
    Il protagonista viene a conoscenza che il papà ottantaduenne di un suo cliente si è fatto la morosa e che lui deve andare a portarlo e a prenderlo ogni sabato.
    «Monaaaaa» - risponde il protagonista!

    Cambia la scena
    il protagonista si ritrova dal medico insieme ad un'amica.
    Siccome il dottore è il medico di entrambi, entrano insieme nello studio.
    Il protagonista chiede al medico un medicinale per un certo disturbo. Lo ottiene ed esce.
    Il sabato successivo, di sera, avviene l'incontro clandestino con l'amica del cuore.
    E qui succede il patatrac !
    continua alla prossima puntata

    RispondiElimina
  13. mi pare una sorta di beatifull ..... ma il bello deve ancora venire....vero?

    RispondiElimina
  14. prima di quanto tu possa credere.

    RispondiElimina
  15. ostia sei stato un missssile!

    RispondiElimina
  16. i miei missili arrivano ancor prima di partire. Hai presente l'eiaculazione precoce? Stavo giusto per abbassare la cerniera!

    RispondiElimina