con traduttore made blog P.C.

Miei cari amici vicini e lontani buongiorno, ovunque voi siate!

Click on the logo, then on the Live WebCam. . For ACV Live Meteo, click the button.

giovedì 14 giugno 2012

In volo col comandante Paola

Tutto era cominciato con la manifestazione “Apriti cielo” all’aeroclub, un giorno di giugno del 2008, in occasione del 60esimo anniversario.

Quello della “Gente dell’Aria” è un mondo a sé stante fatto da giovani e meno giovani accomunati da una sola passione: il volo. Vi sono ragazzi che intraprendono una carriera, ma vi sono anche ragazzi che rinunciano a tutto pur di salire a bordo e mettersi ai comandi di quella meravigliosa macchina che è l’aeroplano. Tutti quanti hanno in comune il senso della disciplina: la prima cosa che insegnano gli istruttori. E tutti hanno sogni nel cassetto: chi intraprende una carriera sogna di indossare presto le spalline di comandante su un aereo di linea, e chi sogna di diventare pilota collaudatore o astronauta su un laboratorio spaziale. E tutto è possibile perchè l’aeroclub è una fucina di piloti.

Apriti_cielo_2008

Conoscevo Paola perchè vi lavorava come stagista e quel giorno, vestita col giubbetto arancione degli addetti all’organizzazione della festa, osservava, non senza una punta d’invidia, le acrobazie di una pattuglia acrobatica, le evoluzioni degli aerei, le interviste ai piloti, la gente festante.
Attendeva l’arrivo del nuovo addestratore, quello che sostituirà l’attuale macchina della Pattuglia Acrobatica Nazionale, che sarebbe arrivato ai comandi del suo idolo: il pilota collaudatore.

►◄

« Buonasera, come sta? » alzando gli occhi stentavo a riconoscere una bella ragazza dal sorriso smagliante, elegantemente vestita in abito da sera per la cena sociale dell’aeroclub. Erano già passati tre anni da quel giorno e Paola aveva ottenuto il brevetto di pilota.
« Allora qualche volta mi porterai a fare un volo con te? » – le avevo chiesto – « mi piacerebbe tanto! »

Passano sei mesi e un bel giorno, su un social-network, arriva inaspettato un invito.

« Lunedì ho prenotato l'aereo dalle 10 alle 11.30... Se non ha precedenti impegni e Le fa piacere, potremmo fare un giretto sui laghi...»
« senti Paola, innanzitutto potresti smettere di darmi del lei, poi... sai già su quale aereo voleremo?»
« Se non cambiano, I-ISEB... almeno è quello che mi hanno detto stamattina...»

e così, lunedì 7 maggio, notificato il volo e controllato meticolosamente l’aereo, ho volato con Paola, a cui spetta di diritto l’appellativo di Comandante.

Un volo impeccabile dal decollo all’atterraggio, degno di chi si appresta a diventare pilota di linea dopo che avrà ottenuto la laurea in ingegneria aerospaziale.

In bocca al lupo, Paola. 
E se avrò ancora il piacere di volare con te,
ti prometto che non dimenticherò la pellicola della cinepresa.

 


14 commenti:

  1. Bell'articolo!
    Conosco Paola, e avendo avuto la fortuna di volare più volte con lei, ho avuto modo di osservare il livello di professionalità di cui si parla! :)

    RispondiElimina
  2. Grazie Will, e che bella foto questa per pista 18 con Paola ai comandi.
    Che dire? Vi invidio tutti quanti perchè vi accingete a fare il lavoro che ho sempre sognato anch'io.
    Tra i miei lontani parenti, annovero anche un Generale Pilota (pilota durante la grande guerra) ed era naturalmente il mio idolo. Mi aveva anche regalato la sua aquila turrita e mi aveva seguito quando avevo copminciato a muovere i primi passi, o meglio, a spiccare i primi voli.

    Ho ragione di credere che voi formiate un gruppo. Probabilmente avete fatto contemporaneamente gli stessi corsi.
    Beh... vi faccio una proposta: adottate me così come ogni squadra ha la sua mascotte portafortuna.
    ... perchè i miei titoli aeronautici iniziano e finiscono così!

    Ciao e anche per te un in bocca al lupo.

    RispondiElimina
  3. Fammi capire...dovevi fare delle riprese in volo e ti sei scordato la pellicola?
    Doloreeeeeee!!!!!
    Appello a Paola: Concedi a quest'uomo un'altra possibilità! :D

    RispondiElimina
  4. ps: Ho letto ora il tuo commento sul mio ultimo video su youtube.
    Ci sto costruendo una storiella da pubblicare sul blog.
    Acqua in bocca! ;-)

    RispondiElimina
  5. Giorgio, speriamo che raccolga l'appello, ma sai, ero anche emozionato e quando si è in volo ci sono tante cose da fare. Ho tentato di leggere il manuale, ma non trovavo la pagina e poi non è la stessa cosa del video che hai fatto tu. :)))
    Terrò la bocca chiusa, ma se è necessario rimuovi il mio commento.

    RispondiElimina
  6. Tranquillo, il post è pronto e sarà pubblicato venerdì.
    Se qualcuno trova un'anteprima non ci sono problemi.

    RispondiElimina
  7. anche a me piace volare ma sopratutto godere e non come un tarlo in un mobile antico ma in un modo più godereccio..... un saluto a Paola e uno anche a Theo.... ma quando mi porterai a fare un giro?

    RispondiElimina
  8. volo da sempre su aerei di linea ma l'emozione che mi da l'elica, su questi piccoli aerei si gode appieno il volo.

    RispondiElimina
  9. camagna... lo chiedi a me o lo chiedI a Paola?
    Perchè se lo chiedi a me basta meterci d'accordo, ma se lo chiedi a Paola temo che non saresti all'altezza della situazione: il sedile del passeggero non è regolabile in altezza.

    RispondiElimina
  10. ah, voli come pirata? Bisogna che avverta Paola quando sarà diventata pilota di linea!

    RispondiElimina
  11. facciamo che lo chiedo a te, mi sentirei in imbarazzo cagarmi sotto con una donna alla cloche!

    RispondiElimina
  12. Ok, dimmi quando tu verrai... dimmi quando quando quando....
    Però bada che se ti caghi addosso non si possono aprire i finestrini, neh! E non c'è neppure l'impianto per l'ossigeno.

    RispondiElimina
  13. conosco anch'io Paola e è una ragazza simpaticissima...enjoy

    RispondiElimina
  14. ah, grazie!
    Se ripassi per leggere la mia risposta, ti sarei grato se mi dicessi per quale percorso sei arrivato fin qui. Ciao

    RispondiElimina