con traduttore made blog P.C.

Miei cari amici vicini e lontani buongiorno, ovunque voi siate!

Click on the logo, then on the Live WebCam. . For ACV Live Meteo, click the button.

mercoledì 21 dicembre 2011

Usanze

Oggi sono andato a prendere il Pino per fare l'Albero di Natale.
Mentre mi incamminavo verso la macchina, tenendolo sottobraccio, con voce grave mi ha ammonito:

«La prossima volta pretendo un po' più di rispetto, ed inoltre mi dia del lei!»
«Perchè?» ho chiesto.

«Perchè io mi chiamo Giuseppe e non Pino!»
********
  Come è nata l’usanza di mettere l’Angelo sulla cima dell’Albero di Natale.

Il 24 Dicembre di quell’anno, a Babbo Natale tutto quello che poteva andare storto era andato storto.
Le renne avevano avuto la dissenteria e avevano ridotto la stalla ad un disastro, cosicché dovette spalare cacca per tutta la notte.
Aveva caricato la slitta da solo, perché gli gnomi erano in sciopero, poi aveva dovuto scaricarla nuovamente perché un pattino era rotto, perciò aveva perso l’intera mattinata a ripararlo, dandosi anche una martellata sul pollice.
Nel frattempo quelle maledette renne erano scappate e dovette girare per il bosco per recuperarle.
Metà dei giocattoli non erano arrivati e quelli che gli avevano consegnato erano tutti della lista delle consegne dell’anno prima.
E siccome gli Elfi si erano ubriacati, (se non sai chi sono gli Elfi, te lo spiego io se clicchi qui), aveva dovuto cercarsi da solo i doni giusti in magazzino, ammaccandosi il naso e un ginocchio quando la scala a pioli si era rotta.
Nel mettersi i pantaloni li aveva strappati perché era ingrassato troppo, non c’era verso di trovare il cappello anche perché aveva smarrito gli occhiali.
E aveva bruciore di stomaco.
Quando aveva cercato una birra in frigo l’aveva trovato rotto. La birra, in ogni modo, era finita.

In quel momento bussa alla porta un Angelo con un Albero di Natale, e chiede:
« Dove devo metterlo questo albero?»

 

Ecco perché è nata l’usanza di mettere l’Angelo sulla cima dell’Albero di Natale.


6 commenti:

  1. Peccato, che non hai potuto udire la sonora risata che mi è sfuggita arrivando alla conclusione della storiella...
    Troppo, forte...
    Felici Giorni. :-)

    RispondiElimina
  2. ahahah... grazie. Sei un Angelo!

    RispondiElimina
  3. Innanzi tutto sono contento di non chiamarmi Angelo, metti caso che qualche innervosito equivocasse....
    E poi: Buone Feste anche a te, serena vita. :D

    RispondiElimina
  4. Ma perchè Giorgio non vorresti chiamarti Angelo?
    Hai qualche problema? ... ahi, ahi!

    RispondiElimina
  5. e i pini stan su pei monti.......

    RispondiElimina