con traduttore made blog P.C.

Miei cari amici vicini e lontani buongiorno, ovunque voi siate!

sabato 5 novembre 2011

LA SCOTENNATRICE - di E. Salgari


Prendo spunto dal blog di Blumannaro per raccontare una strana coincidenza.

Era una notte buia e tempestosa.
Conversando con un'amica delle solite cose di tutti i giorni, ad un certo punto se ne esce con questa frase...


(ma è meglio che riporti il frammento completo della conversazione)

« Aspetta un attimo, vado a prendere qualcosa da mangiare: ho uno stomachino...»
- Ok -
« Allora... scegli tu ed io mangio.
Posso andare in frigo e prendere 1) cornetti con panna, 2) cannoli siciliani, 3) code di rospo o forse voi le chiamate code di aragosta.
Che scelgo?»
- Code di rospo a quest'ora? -
« Sono dolci, come le sfogliatelle napoletane ma con un'altra forma.»
- Ah... credevo fosse la
pescatrice. La compera sempre mia moglie perché dice che il pesce contiene fosforo che fa bene alla memoria. -
« No »
- Allora vanno bene le code di rospo -
« Ok arrivo, tu rosika

(e mi manda un link)

- ahahahah... giuro che lo metto sul blog.
Titolo: La scotennatrice.
Sottotitolo: Quello che preferisci due volte al giorno: durante i
pasti e fuori dai pasti.

Ma ha anche il frenulo del prepuzio? -
« ehhhhhhhhhhhh? »
- dalla forma che mi hai mandato....!?
« e vabbè... ma io lo stavo mangiando »
- ohi che dolor! -
« ahahah... e pensare che prima l'ho anche scaldato nel microonde »
- Proprio nel microonde? Con tanti modi che ci sono per scaldarlo!
« Mi fermo qui... perché è ripieno di crema quel dolce...»
- Si, è meglio che ti fermi: se esce la crema poi rimane uno straccetto...

poi, vabbè, abbiamo cambiato argomento!

Mali di stagione:
Pare che la crema delle code di rospo faccia bene al mal di gola, se scaldata preventivamente.









13 commenti:

  1. Theo, sei sempre incontenibile....:-)

    RispondiElimina
  2. Sorrido perchè non è stato riconosciuto "incontenibile" e vicino al commento c'è il cestino...ah,ah...quando non vi è nulla di sconcio...queste benedette traduzioni dall'inglese, Theo:-) che non sanno cogliere il senso figurato dei termini!:-)

    RispondiElimina
  3. Mi viene un dubbio...ma sarà mica per la parte finale del mio cognome nick? :-(((((

    RispondiElimina
  4. Qui, non ho la possibilità di rispondere ad ogni commento perchè ancora devo capire come si fa.

    RispondiElimina
  5. Barbara, per fortuna la mia amica non verrà a leggere questo post, altrimenti resterò senza parole io.

    RispondiElimina
  6. Per forza, Cristina, avrà interpretato "incontenibile" con "incontinenza" e Google, con la sua organizzazione, queste cose le sa.
    E mo ti aggiusto io con un commento nel tuo blog!

    RispondiElimina
  7. La tua amica è appena venuta a leggere il post, che dirti? Va bene se ti dico che sei stronzo? E comunque le conversazioni altrui non si pubblicano, soprattutto se sono le mie! A ri-bist-stris-stronzo! (Tanto qui si può dire stronzo!)

    RispondiElimina
  8. Ehi, redazione_blog... sono senza parole!
    ... metto in saccoccia lo stronzo e me ne vado.

    RispondiElimina
  9. non dimenticare di rosikare mentre io torno a ravanare nel frigorifero.

    RispondiElimina
  10. Si, ma mi dirai quanto tempo resterai assente perchè, per via dell'incontinenza, io non voglio rimanere ancora sullle spine!

    RispondiElimina
  11. Non ci posso credere!!! ;-)
    Beh dai...usciamo allo scoperto.
    In realtà la "pescatrice" è la versione originale del romanzo di Salgari ma purtroppo ai suoi tempi l'editoria non aveva una mentalità molto aperta e fu costretto a riadattare il testo e scrivere la "scotennatrice".

    A nome di tutti gli amanti del buon leggere ti ringrazio per aver resa pubblica la verità su questa storia..
    Ora scappo, sono invitato a casa di amici per una cena a base di pesce. Niente "pescatrice" ma delle più tranquille orate.

    RispondiElimina
  12. Non ci posso credere!
    Non dirmi che senza saperlo ho scoperto che il titolo originale della Scotennatrice di Salgari, era La pescatrice
    Devo dire a Redazione_blog di mangiare più spesso le code di rospo.
    ... a beneficio della cultura, s'intende!

    RispondiElimina