con traduttore made blog P.C.

Miei cari amici vicini e lontani buongiorno, ovunque voi siate!

Click on the logo, then on the Live WebCam. . For ACV Live Meteo, click the button.

giovedì 17 dicembre 2009

Omaggio a Felice Musazzi


https://picasaweb.google.com/lh/photo/aN-PZyVUGHcmKGT8vRZTf9MTjNZETYmyPJy0liipFm0?feat=directlink

Avete presente quelle camere col lettone di ferro a due piazze, le sponde alte, che quando si dorme pare di stare in gabbia?
Ecco, è lì che russano, Teresa e Giovanni Colombo, da quarant'anni a questa parte.
Un urlo lacera la notte.
« Giuàn piza ul ciar »
La luce sfacciata dell'unica lampadina da 25 candele illumina impietosamente una sparuta gallina, appollaiata sulle sponde del letto.
« Genti! Credévu ce l'eva l'anima da a me pora mama cà l'è vignüu giò a gratàm i pè...».
Aggiustandosi gli occhiali, Teresa afferra la gallina, tentando disperatamente di guardarla negli occhi.
« Giülia, a vöru no ca te vegni chì a fam stremì da noci... va là sü la finestra a fa l'oeu, por anima ».
E la sbatte fuori senza tanti complimenti.
« Noci da galera! »
Poi si rivolge al ritratto della madre che sovrasta il letto.
« Mama, guarda chì l'é ca te me metüu chì insema... Ta sa ricordi sà te me disevi?
Spusal Terasa, l'é un bravu fioeu, al g'ha una bela posizium ».
Il Giuàn, tutto stravaccato per traverso, dorme come un sasso, occupando più della metà del letto.
« L'è quarant'ann ca l'é chi inscì: tala chi a sò pusizium. Tirumal là, mama: e se te pödi no tiràmal là, dighi almen da tiras da là quindas ghei, da pudé fa un visurin...».
Giovanni, russando, rotola su un fianco e si sposta.
«...Grassia, mama. I da puà durmighi insema: quandu ca'l ronfa al fa tremà ul quadar da a Madòna sul mür; quandu a ghe sü ul ventu, al bufa ca ma toca metti su i müdandi da lana. Pagamentu, gh'o mitüu ul tai da dré; me andàa den una piüma dul cussin, ca la ma turmenta ».
Teresa compie un'affanosa ricerca della piuma galeotta. Quando finalmente, rovistando nei mutandoni, riesce ad impadronirsene, ritenta sbuffando, di prendere sonno. Invano.
« A ma tuca durmì dàa a parti dul fidigu par via dul cör...».
Si gira e rigira. Poi sconsolata, osserva con aria di profondo disgusto ul sò Giuàn, Questi apre un occhio, e sibila:
« Som bel? »
« Te se un bel scemu. Giras da là, ca te me fe vignì i verman ».
Ma Giuan non ne vuol sapere:
« Teresa, m'é vignüu vöia da fati un basìn ».
Non l'avesse mai detto. La Teresa sguscia veloce dalle coperte.
« Va via nè... pütostu da fàti un basìn a ti, a sciüsciu una sòquara ».
Giovanni, lo zoccolo, ce l'ha già in mano:
«E alùra tè, ciàpala e scüsciala».
Alla vista del suo uomo che fruga ancora sotto il letto, Teresa, temendo il tiro del secondo zoccolo, si informa gentilmente:
« Sa ta cerchi? »
« L'urinari, Duè ca l'è?»
« Ce l'ho dato alla Patria».
« Alura dami ul to ». E fa per prendere quello della moglie.
Teresa lo afferra rapidamente, stringendoselo al petto:
« No, te me'l sbüsi ».
« E mi ta la fo in léciu ».
« E mi ta fo ritirà a l'uspizi. Disgrasià, g'ho den i materàs da goma piüma, te me i dislengui tüti ».
Rassegnato, Giuàn si rimette sotto le coperte. Teresa gli si raggomitola accanto, dopo aver spento la luce.
Ma Giuàn non ha più sonno:
« Teresa, sàbatu a s'é masàa ul me amis Carletu sül laurà, sòta un pés dàa grü. Pensa: a so vedova la ciaparà 5 miliuni da l'assicürazium ».
« E ti, dué ca te sévi in chèl mumentu lì ».
« Sevu andà al cess...».
« Ecco - Teresa balza a sedere sul letto - quandu ghe da guadagnà un quai coss, te se mai là! ».

Così iniziano le
"Storie grame di povercrist"
 
.
https://picasaweb.google.com/lh/photo/RegbIcS2AdXRilC_8wATbdMTjNZETYmyPJy0liipFm0?feat=directlink

.


Nessun commento:

Posta un commento