con traduttore made blog P.C.

Miei cari amici vicini e lontani buongiorno, ovunque voi siate!

lunedì 14 dicembre 2009

Omaggio a Ernesto Parini - poeta dialettale legnanese

.
.

.
Scrivere del perchè vola un aeroplano, scrivere ancora di Don Camillo, ma anche di Felice Musazzi e Toni Barlocco, fondatori della "Compagnia dialettale Legnanese" e, rispettivamente, interpreti nei personaggi della Teresa e della Mabilia.
.
Ma oggi inizio da un personaggio che ho conosciuto, e del quale conservo tre dei suoi libri di poesie dialettali legnanesi.

Ho conosciuto Ernesto Parini perchè fabbricava tubi di cartone che impiegavo nel mio lavoro.

E tal quale lo vedete nel ritratto del fratello Gigi, Ernesto era un uomo di solido buon senso, incline al riso e alla malinconia, uno spirito di romantico e di verista: il cronista poetico della sua cara Legnano.
.
PORA «URONA»!

Tanti ann fa te s'évi bèla.
Te passevi par Legnan
tamé 'na signurinela
ciara, fresca e culur san.
.
E par nüm, propi dul bum
ogni fiüm l'éa 'n Urona,
un bel lagu: un Urunum...
tantu s'évi cara e bona!
.
Poeu, chi sà cum' a l'é stàaa.
'Me i pütann da marciapé
a l'Indüstria te se sàa...
par chi spurchi da dané!
.
Guardas ben 'ma te sé dèss!
T'hann druvàa da fà 'l fachin,
e 'n scümògiu gialdu e spess
ta sufega pian pianin!
.
 Un paltun te strüsi dré
sp
üzzulentu 'me 'ma fogna...
p
ü nissün ta poeu vidé!
Pora Urona... che vargogna!
►◄
.
1) - Tanti anni fa tu eri bella! Passavi per Legnano come una signorinella chiara
       fresca e di color sano.
2) - E per noi, veramente, ogni fiume era un'Olona; un bel lago: un Olonone...
       tanto eri cara e buona!
3) - Poi, chissà come è stato, come le donne da marciapiede, all'Industria ti sei
       data... per quegli sporchi soldi!
4) - Guardati bene come sei adesso! Ti hanno adoperata per fare il facchino, e una
       schiuma gialla e densa ti soffoca pian pianino!
5) - Una fanghiglia ti trascini dietro puzzolente come una fogna... più nessuno ormai
       ti può vedere! Povera Olona... che vergogna!

.

    .

    2 commenti:

    1. http://danielebertisindaco.blogspot.it/2014/09/emozioni-grappoli.html Ciao, io non ho conosciuto Ernesto e girerò volentieri questo link alle figlie, che magari ti conoscono...Mi piacerebbe ci potessi raccontare qualcosa di lui, del poeta di 'Me car Legnan'...Grazie

      RispondiElimina
    2. Ciao Daniele,
      E' impossibile che le figlie mi conoscano col mio nik; e neppure col mio nome proprio, così come io non conosco loro.
      Si, ho conosciuto Ernesto Parini a causa del mio lavoro e ne era nata una reciproca simpatia.

      Andavo nella sua ditta di Cerro Maggiore (che lui chiamava Cerro sul Brenta a motivo della fabbrica Brenta Precompressi, la cui insegna si leggeva percorrendo l'autostrada) e in quelle occasione mi piaceva ascoltare le sue ultime poesie.
      Talvolta invece erano i suoi ricordi giovanili, le sue scorribande del sabato in quel di Milano, insieme ai suoi amici (personaggi i cui nomi conoscevo solo di fama), a bordo dell'automobile che allora era appannaggio di pochi.

      I racconti, unitamente alla musicalità del dialetto legnanese, erano di una comicità impareggiabile e descrivevano ciò che han sempre fatto i giovani di allora - e non solo di allora - quando si andava verso la grande città con un solo scopo che non mi è concesso ricordare qui sopra.
      Ora il tempo ha un po' mitigato i ricordi, ma uno è ancora vivo nella memoria.
      in occasione di un compleanno, la sua famiglia gli aveva regalato una moderna macchina da scrivere elettrica Olivetti, di quelle che avevano la spaziatura proporzionata al carattere. L'aveva mostrata con orgoglio, anche se, diceva, "devo ancora imparare ad usarla"

      Con me veniva spesso il mio papà, di poco meno giovane di Ernesto che per lui ha scritto la dedica che vedi raffigurata nel post e che appartiene al volume "Me car Legnan 2".

      Grazie di aver segnalato il post alle figlie di Ernesto che saluto già da subito se verranno a leggere.
      Che altro aggiungere?
      Che sarebbe stato bello avere Ernesto Parini fra i miei contatti: ci saremmo divertiti insieme.
      Che ho tentato di divulgare sul blog le poesie di Ernesto Parini, ma il "legnanese" non è per tutti. Io me lo gusto perchè discendo da mamma legnanese e padre di "Busto piccolo".
      Ciao.

      RispondiElimina