con traduttore made blog P.C.

Miei cari amici vicini e lontani buongiorno, ovunque voi siate!

mercoledì 16 dicembre 2009

le 200 ore (omaggio a Felice Musazzi)

Tobia respirò due volte profondamente, per domare l’emozione. Impastronato malamente nel suo cappotto marrone, che già aveva superato una decina di inverni, non riesce neppure ad avvertire il freddo intenso, che turbina nella piazza e perfino nei reparti. Fuori dai cancelli, oggi, e solo per oggi, la Gelina.
«Ma ta fé vess chi ti?».

Carico di allusioni, lo sguardo ombroso di lei gli si inchioda negli occhi: «Te va! A credevu ca ‘l duveva pioeu, e som vegnüu incuntra cun l’umbrela…»
«Ma sa ghe fora ul su!»
«Ma al pö anca pioeu, e ti te se bagni… te pödi ciapà un’infiurensa ca ma tòca a mi cürati… E alùra?».
Tobia si sente fissato golosamente, come un babà in una vetrina di pasticciere: «Alùra cusé?».
«’Ndem Tubia – si spazientisce lei – fa no ul màrtal, te ghi è li?».
«Cusée?».
«I düsentur!» - in uno slancio incontrollato, prende a tastare il cappottaccio spelacchiato – Te ghi è in sacogia da chi o da là? Mumastà a trai föra: sa ga vegn sü una bufada da ventu guaia!»

Capita solo una volta all’anno, In tutti gli altri giorni regna la rogna: oggi no: sono arrivate anche per il Tobia le duecento ore. Con una busta paga così, ci si può anche permettere di sognare davanti alle vetrine natalizie.
Gelina sembra persino meno grassa, meno opprimente, quasi simpatica e forse anche gentile.
Entrati in casa, tutti e due hanno avuto la stessa idea (miracolo!): sprangare le porte per essere finalmente soli, con tutti quei bei bigliettoni.
Lei non ce la fa più: «Tirai föra, sa te n’è ciapàa?».
Con un gesto che gli costa qualche mese di vita, Tobia molla alla moglie la sospirata busta.
«Teh, vampira ciàpai!».
«Tubia, va là in sül tavar… E adess ciapa i dané e fam a docia».

Il marito sta al gioco. E fa piovere dall’alto del tavolo tutta la sua gratifica natalizia, come fosse neve su un presepe vivente. Gelina, appena sfiorata dalla prima banconota, incomincia a fremere, a rabbrividire. Si toglie piano piano il grembiule, le calze, tutto. E afferrando un biglietto che ondeggia nell’aria tiepida, emette un gridolino basso e soffocato: l’orgasmo.
«Danè, danè… Disan che i danè ìn a merda dul diaval, guarda Tubia, mi la mangiu».

Poi Gelina si riveste; fa scendere il marito e raccoglie religiosamente la sua manna. Quindi dispone a ventaglio le banconote sul tavolo. Le rimescola, le sparpaglia, fa tanti mazzettini che sfiora con riverenza. Bagnandosi l’indice dalla bava che le cola dalla bocca, comincia a contare tutta quella grazia di Dio, il più lentamente possibile, nell’illusione che possa moltiplicarsi.

«Vün, dü, tri, quatar… chissà parché quando vedu i dané a diventu un’ola dona? Cinq, sés, sett… sa te mangi, Tubia?...Votu… chissà ‘ma te se stràcu, por om… noeu, des… te lauri tropu… vündas… setas giò ca ta tiru föra i scarpi… dudas trèdas quatordas… Te mangi ul giambum? Quindas… A quidicianni facevo all’amore… daghela avanti un passo… te bèe un bücer da vin?... Sèdas, darsèti, dasdotu: Tubia, fò no par dì, ma a la to età, te se ancamò un bel om»

Intanto si è accovacciata vicino al suo uomo, ora rigidamente seduto sulla sedia impagliata. Tobia non capisce più niente: gli pare di vedersi al cinema. Possibile che sia tutto così bello?
«Ta se racordi quando sevum murus? Quandu sem spusàa, a prima noci?».
«Ti Gelina, ta va ul laci al cò?».
«Ma va tüscòss al cò! L’è un pecàa a spéndai, tant chi in bei: chissà ul to capu sa n’ha ciapàa!».
«Al gh’eva ul caval par purtai a cà».

Gelina, contati i pezzi grossi, è ora arrivata alle mille lire. Sceglie un biglietto, e lo allunga con fatica al marito. Ha l’aria di fargli una gran concessione:
«Toh a tua murüra intantu ca gh’in!».
Tobia si affretta ad intascare. Meglio non esitare, potrebbe ripensarci, dimenticandosi che stavolta è Natale.
«Tubia, va a lavàss giò. Intantu mi vo a pagà chi quatar pufi, e in barba a tüti, a vöru picaghi den, al dì da natal, una paciàda ca sa a mangiu pü par un ann al fa nien».

Gelina si munisce di due sporte per la spesa, anzi, di tre (non si sa mai), e si avvia a dar fondo alle duecento ore. Insieme a tutti i desideri folli, repressi da ormai troppi mesi.
«Da sügàss – sussurra in un sorriso prima di infilare la porta – dröva a camisa, tantu g’ho da lavala. E bagna giò pür par tera, dopu a neti. Ciau milord!»
Tobia, sfilandosi la sua maglia tutta buchi e rammendi, è sconcertato.
«’Ma la saria bela a vita, se i düsentur a füdesan tri völti a l’ann…»

Si sta crogiolando da un paio d’ore nell’acqua tiepida, le braccia penzoloni fuori dalla tinozza. Poi con calma, esce dall’acqua e va ad asciugarsi senza fretta, vicino alla stufa.
Dalla porta che si apre all’improvviso, entra una ventata gelida che pare gli spezzi la schiena.

«Sa te fe lì in pée tacàa a la stüa, te vedi no ca te me bagni giò dapartütu? Sbruvandün! – la Gelina gli rovescia addosso il solito livore – Te se in gir bel e biotu, à pée in tera, cumé un fantasma, martalàsc! Quàtass ca te fe schivi! Tubia, ghé finì i dané, ghé finìi a pas».

Tobia si rinfila la maglia a buchi e la camicia bagnata. Sul tavolo, tre borsoni stracolmi di tutto.
E’ proprio vero: le duecento ore sono già finite.

Tratto da:
STORIE GRAME DI POVERCRIST - Felice Musazzi
(Il meglio del teatro popolare de “I Legnanesi”)

 


Nessun commento:

Posta un commento