con traduttore made blog P.C.

Miei cari amici vicini e lontani buongiorno, ovunque voi siate!

Click on the logo, then on the Live WebCam. . For ACV Live Meteo, click the button.

martedì 15 dicembre 2009

ancora di Ernesto Parini - cinque brevissime poesie

La satira di Ernesto Parini è a volte amara, a volte scanzonata o pungente e può essere facilmente gustata da un pubblico non circoscritto alla sola sua Legnano, ma più vasto degli appassionati
di vernacolo lombardo.

https://picasaweb.google.com/lh/photo/GwnpA4CMiBn0FmeRvgtOA9MTjNZETYmyPJy0liipFm0?feat=directlink

(il rione San Domenico)  
AMUR CUNIÜGAL

A 'l ma fà 'l me amis Giuann:
«mi e a me dona 'ndem bénum!
Per un bell vinticimq'ann
em mai fàa 'na discüssium!»
«E poeu dopu" - mi ga fo -
cüntum sü, cus' a gh'é stàaa?»
Scunsulàa 'l scurliss ul co:
«E poeu dopu ... a sèm spusàa!»
SPUSITI MUDERNI

Sa'n senti dì di bei!
'Na spusa a dré al marì:
«O taja chi cavèi
o 'l fioeu...te 'l "latti" ti!»

PARITA' DI DIRITTI

«O Pauleu, ho sentüu dì
che fra pocu a ga sarà
una legi che mi e ti
gh'em diritti in parità!»
«Carulina,vardé genti
'ma l'é bell, roba da matti"
L'éva ura finalmenti
che anca ti... te lavi i piatti!»
FEDELTA'

«Giuanin, sa poeu savél
sa sé bum da ricugnuss
chi ca gh'é püssé fedél
fra i don négar, biundi o russ?»

«Giüsapin, làssumal dì,
vàa, par mi in grand amis
e fedel ai so marì
dumà i donn... cunt' u 'l cò gris!»

SECRETTU

Ma piasariss savé, me car Zinettu
chi lé chel tal ca dis che tütt' i donn
in nanca bum da mantegnì 'm secrettu
e disan sempar tüttu ai ol personn!
A ghé a me dona, vàa, che in quindas ann
l'ha mo da dim in du é che tütti i dì
la và a casciai o pür che fin a i fann...
tütt' i dané ca la ma cerca a mi!




(1) Mi dice il mio amico Giovanni:
«io e mia moglie andiamo benone! Per ben venticinque anni non abbiamo mai fatto discussioni»
«E poi dopo? - gli dico - raccontami, cosa è accaduto?» - sconsolato scuote la testa: «Poi, dopo... ci siamo sposati!»

(2) Se ne sentono di tutti i colori!
Una sposa al marito: «O tagli i capelli o il figlio... lo allatti tu
(andavano di moda i capelloni - ndr.)

(3) O Paolino, ho sentito dire che fra poco ci sarà una legge per la quale avremo diritti in parità.
«Carolina, che bello, roba da matti: era ora, finalmente, che anche tu lavi i
piatti»

(4) Giovannino, si può sapere se sei capace di riconoscere chi, fra le donne nere, bionde o rosse, è più fedele?
«Giuseppino, lasciamelo dire, per me sono grandi amiche e fedeli al marito solo le donne... con la testa grigia!»

(5) Mi piacerebbe sapere, caro Ginetto, chi è quel tale che dice che tutte le donne non sono capaci di mantenere un segreto, e dicono sempre tutto alle altre persone!
«Guarda, c'è mia moglie, che in quindici anni deve ancora dirmi dove, tutti i giorni, va a mettere o oppure che fine fanno... tutti i soldi che mi chiede!»




Nessun commento:

Posta un commento